«
»
Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
Dom
Settembre
Settembre
Settembre
1
2
3
4
5
6
7
8
  • Memorie di una valle
    20:30 -22:30
    08/10/2020

    Viale Europa Unita 21, Tricesimo

    Viale Europa Unita 21, Tricesimo

    8 ottobre ore 20.30 – Teatro Garzoni viale Europa Unita 21, Tricesimo

    Le Nuove Querce ODV e Forum Editrice Universitaria Udinese

    con
    Angelo Floramo, Pier Giorgio Gri
    lettura di
    Aida Talliente
    Pensieri e parole dal libro
    ‘Intrecci del tempo presente’ di Pier Giorgio Gri
    La Val d’Arzino è tutta sghemba, così:
    Precipita dal lato ombroso nel fiume, l’altro lato si apre alle radure e ai prati, illuminati dal sole. La Regina Margherita, la strada di magnifico ingegno, la solcava sinuosa.
    La Val d’Arzino è la protagonista della storia piccola di una valle che assiste, selvatica e bellissima, isolata e silenziosa, agli esordi del mondo nuovo.
    Ingresso libero con prenotazione obbligatoria
    Nuove Querce
    tel. / whatstapp 328 3889885/328 8387794
    lenuovequerce@gmail.com
    Fotografia di Ulderica Da Pozzo da ‘Le voci dell’acqua’
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
  • INSURREZIONI – omaggio a Tito Maniacco – mostra fotografica
    10:00 -16:00
    18/10/2020

    18 ottobre dalle ore 10.30 alle ore 16 presso la Centrale idroelettrica di Malnisio, Montereale Valcellina

    Inaugurazione dell mostra di Danilo De Marco. Interverranno:

    mattino:

    Danilo De Marco, Gian Paolo Carbonetto, Angelo Bertani, Sergio Altieri con una testimonianza letta da Aida Talliente, Anna Di Gianantonio, Giancarlo Pauletto, Mario Turello

    ore 14 letture sceniche a cura di Fabiano Fantini e Aida Talliente

    pomeriggio:

    Cristiano Shaurli e Angelo Floramo

     

19
20
21
22
  • Animi s vivis “un ricuart di famèe”
    20:45 -22:00
    22/10/2020

    FADIESIS ACCORDI FESTIVAL 2020

    ingresso libero su prenotazione telefonando al numero: 0434 43693 da lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12

    Ex Convento di S. Francesco, Pordenone ore 20.00, ingresso e procedure anti covid

    voce Aida Talliente

    violoncello Riccardo Pes

    fisarmonica Gianni Fassetta

     

    Versi di Pier Luigi Cappello, Federico Tavan, Leonardo Zanier, Rosanna Paroni Bertoja, Beno fignon, Novella Cantarutti, Ida Vallerugo.

     

    Dalle 18.00 sarà possibile visitare la mostra “Le mie fisarmoniche” di Adelio Corti

23
24
  • Sospiro d’Anima (la storia di Rosa)
    21:00 -22:00
    24/10/2020

    24 ottobre ore 21.00  Teatro Comunale di Marano vicentino  Castello di Ragogna (Ud)

     

    primo premio Voci di Fonte 2010 Parma

    menzione Premio Fersen per la drammaturgia 2010

    premio speciale Museo Cervi 2011 Reggio Emilia

    premio A. Landieri come miglio spettacolo 2011 Napoli

    Premio Fringe festival 2011 Napoli

     

     

    I loro visi avranno fisionomie nuove…

    avranno qualcosa di nuovo che tiene

    in sé luminose e comuni possibilità per l’avvenire,

    quasi il sole di un’immensa Pasqua.

    Saranno come inebriati di futuro…e di morte.

    Quest’ansia di fraternità si chiamerà: Resistenza.

    Sappiamo che occhi avrà

    chi vivrà quell’esperienza comune

    rigeneratrice del futuro: occhi minacciosi

    di operaio o esaltati di intellettuale.

    E tutto ciò avrà anche il nome di Speranza.

    P.P.Pasolini

     

    SOSPIRO D’ANIMA

    Un cerchio di pietre illuminato da piccoli lumi. Un albero bianco, scarno. Scatole, cassetti, vecchi oggetti accatastati su cui siede una donna “anziana”. Appena fuori dal cerchio, un ragazzo, forse un “angelo”, suona una fisarmonica. La donna si muove in questo luogo fatto di poveri oggetti, raccontando la sua storia. Lo fa come fosse un saluto, l’ultimo saluto prima di “andarsene”. Nel corso del racconto, il piccolo cerchio di pietre diventa un luogo di passaggio tra la vita e la morte, diventa una “mappa della memoria” su cui lei lascia le proprie orme, le proprie tracce. La musica l’accompagna. Una musica che diventa anche il canto di un’anima piena di cose…

    Così inizia questo breve viaggio dedicato a Rosa Cantoni, Rosina per chi l’ha amata, o “Giulia” per chi l’ha conosciuta come protagonista della Resistenza friulana. Nato dopo un lungo ed intenso periodo di incontri con Rosina, lo spettacolo è un attraversamento lento e discreto dei suoi ricordi, delle sue vecchie fotografie e delle sue poesie. E’ il racconto prezioso di una vita straordinaria, vissuta con forza, coraggio e soprattutto amore; amore per la vita, per il mondo, per le future generazioni a cui Rosina sempre ha parlato.

    Così desidero ricordarla. Così desidero tenerla viva e più presente che mai nella mia storia e nella storia dei nostri giorni, purtroppo destinati a perdere tutte quelle voci che in passato hanno tanto lottato per cambiare il mondo.

    Aida Talliente

     

    Rosa Cantoni era una delle più anziane partigiane della città di Udine. Durante la seconda guerra mondiale è stata protagonista nella lotta della Resistenza e poi deportata al campo di sterminio di Ravensbruk nel ’45. Ascoltando le sue parole e le sue testimonianze, si diventa silenziosi spettatori di tutto ciò che si è consumato nel corso del tormentato  ‘900.

    Rosa muore il 28 gennaio del 2009, durante la costruzione dello spettacolo. A lei è dedicato questo  viaggio.

25
26
27
  • La Rosa Bianca
    19:00 -20:00
    27/10/2020

     27 ottobre ore 19.00 inaugurazione MOSTRA ITINERANTE presso la Corte del Giglio (Ud) ingresso gratuito.

    La mostra si svolgerà al Museo Etnografico in via Grazzano 1 Udine 

    dal 28 ottobre al 21 novembre da mercoledì a sabato 14-18

    interventi di Sara Rosso, Aida Talliente e Fabrizio Saccomanno, Assessore Fabrizio Cigolot, Marco Balesra A.N.E.D., Antonella Lestani A.N.P.I., Andrea Zannini I.F.S.M.L. Università di Udine, Paola Visentin Museo Etnografico, Umberto Lodovici Fondazione Die Weisse Rose.

    responsabile dell’ allestimento Marco Ivancich

     

    LA MOSTRA ITINERANTE

    La Fondazione Die weisse Rose mette a disposizione una mostra itinerante con traduzione italiana che offre un percorso storico e biografico dei protagonisti e il racconto dei fatti drammatici che hanno portato al loro arresto e alla condanna a morte. Il referente è il Dottor Umberto Lodovici, storico, ricercatore e cultore della materia in filosofia politica presso l’università Cà Foscari di Venezia e l’Università di lettere e filosofia di Monaco, che accompagnerà i visitatori all’interno di questo “viaggio nella memoria” e che si renderà disponibile ad incontrare il pubblico anche dopo gli spettacoli.

     

    29 ottobre ore 20.45 spettacolo LA ROSA BIANCA Teatro Comunale Palamostre Udine, prenotazione obblicatoria al num. 3714828121 il martedi e giovedi dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18

    biglietto intero 12 euor, ridotto 7 euro

     

    Sseguirà un incontro con il pubblico curato dal Dott. Umberto Lodovici fondazione Die Weisse Rose di Monaco di Baviera.

    di e con  Aida Talliente e Fabrizio Saccomanno

    musiche Marco Colonna

    disegno luci Luigi Biondi

     

    produzione: Ura Teatro e Treno della Memoria (in collaborazione con la Regione Puglia)

    patrocinio: Fondazione Die Weisse Rose Monaco, A.N.P.I. Regione FVG, A.N.E.D. Nazionale, Centro d’Accoglienza E. Balducci Udine, Università degli Studi di Udine, Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione (Udine), Dipartimento di Scienze giuridiche, del Linguaggio, dell’Interpretazione e della Traduzione dell’Università di Trieste, Arci Udine, Pordenone

    collaborazione:  Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie. -coordinamento di Udine, Associazione culturale Carpe Diem (in collaborazione con la Regione Sardegna)

    con il sostegno di Regione autonoma Friuli Venezia Giulia e Comune di Udine.

     

     LO SPETTACOLO

    La “Rosa Bianca” è il nome scelto da un gruppo di studenti universitari di Monaco, che dalla primavera del 1942 all’inverno del 1943, iniziarono e portarono avanti con coraggio, un percorso di resistenza politica contro il regime nazista. Il gruppo di amici e conoscenti, ispirati da “libri proibiti” di straordinari scrittori,organizzarono un’attività sovversiva, scrivendo e divulgando in diverse città della Germania, dei volantini che portavano la voce di una piccola parte del popolo, quello che non poteva tacere davanti alla violazione dei diritti umani e alla negazione della libertà. Il nucleo principale composto da Hans e Sophie Sholl, Alexander Schmorell, Willi Graf, Christoph Probst e il professor  Kurt Huber, venne scoperto nel febbraio del 43. Tutti e sei i componenti furono arrestati, processati e ghigliottinati per alto tradimento. Ma il loro messaggio non si esaurì quell’inverno, fu accolto e portato avanti da altri, anche in seguito alla loro morte.

    I membri della Rosa Bianca erano dei ragazzi provenienti da famiglie per lo più borghesi. Famiglie amorevoli che avevano cresciuto i loro figli con alti principi morali ed etici. E’ questa educazione che permette loro di poter distinguere tra il giusto e l’ingiusto e di farsi carico con piena responsabilità delle proprie azioni. Pur vivendo sotto la ferocia della dittatura nazista, questi giovani furono in grado di scegliere da che parte stare donando se stessi, per i diritti di tutti. La loro Resistenza non violenta è uno straordinario esempio di azione politica, che attraverso parole e idee ha generato, per la prima volta, un messaggio universale contemplando la possibilità di un’Europa unita e di una convivenza pacifica tra tutti i popoli portatori di bellezza nella propria diversità. Un messaggio tra i più attuali e contemporanei, che parla di libertà. Libertà così tanto desiderata  da rischiare la propria vita per riaverla.

    Il racconto di queste vite, costruito partendo da lettere, pensieri e avvenimenti, vuole essere un omaggio alla voce dei giovani; ai giovani di allora, che attraverso le loro scelte e le loro azioni lasciarono delle tracce e ai giovani di oggi, in costante cammino verso la costruzione di un mondo più giusto, più etico, più umano, un mondo che ancora fatica a trovare strumenti di pace.

    Solo le storie degli uomini possono risuonare e cambiare la vita di altri uomini. Raccontare di questi ragazzi ora, significa parlare di qualcosa che va al di là del loro tempo. Il coraggio di ogni generazione è la chiave per lo sviluppo della nostra civiltà. Questo è ciò che deve essere difeso. Come è stato fatto allora, così deve esserlo oggi.

     

     

     

     

28
29
  • La Rosa Bianca
    18:30 -23:00
    29/10/2020

     27 ottobre ore 19.00 inaugurazione MOSTRA ITINERANTE presso la Corte del Giglio (Ud) ingresso gratuito.

    La mostra si svolgerà al Museo etnografico di via Grazzano1 Udine,

    dal 28 ottobre al 21 novembre, da mercoldeì a sabato 14 -18

     

    interventi di Sara Rosso, Aida Talliente e Fabrizio Saccomanno, Assessore Fabrizio Cigolot, Marco Balesra A.N.E.D., Antonella Lestani A.N.P.I., Andrea Zannini I.F.S.M.L. Università di Udine, Paola Visentin Museo Etnografico, Umberto Lodovici Fondazione Die Weisse Rose.

    responsabile dell’ allestimento Marco Ivancich

     

    LA MOSTRA ITINERANTE

    La Fondazione Die weisse Rose mette a disposizione una mostra itinerante con traduzione italiana che offre un percorso storico e biografico dei protagonisti e il racconto dei fatti drammatici che hanno portato al loro arresto e alla condanna a morte. Il referente è il Dottor Umberto Lodovici, storico, ricercatore e cultore della materia in filosofia politica presso l’università Cà Foscari di Venezia e l’Università di lettere e filosofia di Monaco, che accompagnerà i visitatori all’interno di questo “viaggio nella memoria” e che si renderà disponibile ad incontrare il pubblico anche dopo gli spettacoli.

     

    29 ottobre doppia replica per le nuove normative anti covid: ore 18.30 e ore 21.00 spettacolo LA ROSA BIANCA Teatro Comunale Palamostre Udine, prenotazione obbligatoria al num. 3714828121 il martedi e giovedi dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18

    biglietto intero 12 euro, ridotto 7 euro

     

    Seguirà un incontro con il pubblico curato dal Dott. Umberto Lodovici fondazione Die Weisse Rose di Monaco di Baviera.

    di e con  Aida Talliente e Fabrizio Saccomanno

    musiche Marco Colonna

    disegno luci Luigi Biondi

     

    produzione: Ura Teatro e Treno della Memoria (in collaborazione con la Regione Puglia)

    patrocinio: Fondazione Die Weisse Rose Monaco, A.N.P.I. Regione FVG, A.N.E.D. Nazionale, Centro d’Accoglienza E. Balducci Udine, Università degli Studi di Udine, Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione (Udine), Dipartimento di Scienze giuridiche, del Linguaggio, dell’Interpretazione e della Traduzione dell’Università di Trieste, Arci Udine, Pordenone

    collaborazione:  Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie. -coordinamento di Udine, Associazione culturale Carpe Diem (in collaborazione con la Regione Sardegna)

    con il sostegno di Regione autonoma Friuli Venezia Giulia e Comune di Udine.

     

     LO SPETTACOLO

    La “Rosa Bianca” è il nome scelto da un gruppo di studenti universitari di Monaco, che dalla primavera del 1942 all’inverno del 1943, iniziarono e portarono avanti con coraggio, un percorso di resistenza politica contro il regime nazista. Il gruppo di amici e conoscenti, ispirati da “libri proibiti” di straordinari scrittori,organizzarono un’attività sovversiva, scrivendo e divulgando in diverse città della Germania, dei volantini che portavano la voce di una piccola parte del popolo, quello che non poteva tacere davanti alla violazione dei diritti umani e alla negazione della libertà. Il nucleo principale composto da Hans e Sophie Sholl, Alexander Schmorell, Willi Graf, Christoph Probst e il professor  Kurt Huber, venne scoperto nel febbraio del 43. Tutti e sei i componenti furono arrestati, processati e ghigliottinati per alto tradimento. Ma il loro messaggio non si esaurì quell’inverno, fu accolto e portato avanti da altri, anche in seguito alla loro morte.

    I membri della Rosa Bianca erano dei ragazzi provenienti da famiglie per lo più borghesi. Famiglie amorevoli che avevano cresciuto i loro figli con alti principi morali ed etici. E’ questa educazione che permette loro di poter distinguere tra il giusto e l’ingiusto e di farsi carico con piena responsabilità delle proprie azioni. Pur vivendo sotto la ferocia della dittatura nazista, questi giovani furono in grado di scegliere da che parte stare donando se stessi, per i diritti di tutti. La loro Resistenza non violenta è uno straordinario esempio di azione politica, che attraverso parole e idee ha generato, per la prima volta, un messaggio universale contemplando la possibilità di un’Europa unita e di una convivenza pacifica tra tutti i popoli portatori di bellezza nella propria diversità. Un messaggio tra i più attuali e contemporanei, che parla di libertà. Libertà così tanto desiderata  da rischiare la propria vita per riaverla.

    Il racconto di queste vite, costruito partendo da lettere, pensieri e avvenimenti, vuole essere un omaggio alla voce dei giovani; ai giovani di allora, che attraverso le loro scelte e le loro azioni lasciarono delle tracce e ai giovani di oggi, in costante cammino verso la costruzione di un mondo più giusto, più etico, più umano, un mondo che ancora fatica a trovare strumenti di pace.

    Solo le storie degli uomini possono risuonare e cambiare la vita di altri uomini. Raccontare di questi ragazzi ora, significa parlare di qualcosa che va al di là del loro tempo. Il coraggio di ogni generazione è la chiave per lo sviluppo della nostra civiltà. Questo è ciò che deve essere difeso. Come è stato fatto allora, così deve esserlo oggi.

     

     

     

     

30
31
Novembre

 

 

 

Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.