Aida Talliente

Il filo non è ciò che s’immagina. Non è l’universo della leggerezza, dello spazio, del sorriso. Tendere il filo è un lavoro duro. E’ un mestiere. Sobrio, rude, scoraggiante. E chi non vuole intraprendere una lotta accanita di sforzi inutili, pericoli profondi, trappole, chi non è pronto a dare tutto per sentirsi vivere, non ha bisogno di diventare funambolo. Soprattutto non lo potrebbe.

“Trattato sul funambolismo”  Philippe Petit

Works

Lady sings the blues

Barabba’s quintet

Ginsberg’s blues

Latest post

  • sito online

    Finalmente, dopo mesi di duro lavoro…eccoci qui! Inizia un nuovo viaggio....

  • destinazioni

    Andare per poi tornare. Capire che il senso del viaggio è il ritorno. Cosa si raccoglie, cosa si riporta e ciò che poi si semina. Vado ora a bussare alle porte di una città nuova: Belgrado. Busso come sempre, come quei personaggi strani che vanno......

  • Le strade incrociate

      Nuovi materiali. Dalla Santa Giovanna dei Macelli alle storie raccolte nei luoghi di confine. Da muro a muro. Dalle invocazioni a Dio alle parole dette davanti alle folle. Crollare ginocchioni a terra per poi tornare ritti come frecce che puntano al cielo o pistole......

Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.