Aida Talliente

Il filo non è ciò che s’immagina. Non è l’universo della leggerezza, dello spazio, del sorriso. Tendere il filo è un lavoro duro. E’ un mestiere. Sobrio, rude, scoraggiante. E chi non vuole intraprendere una lotta accanita di sforzi inutili, pericoli profondi, trappole, chi non è pronto a dare tutto per sentirsi vivere, non ha bisogno di diventare funambolo. Soprattutto non lo potrebbe.

“Trattato sul funambolismo”  Philippe Petit

Works

Lady sings the blues

Barabba’s quintet

Ginsberg’s blues

Latest post

  • Il luogo Sacro

    Un pensiero per me e per tutti quelli che, da sempre, fanno questo mestiere. Dopo un anno di lavoro e più, per costruire un nuovo spettacolo, per portare avanti una ricerca nel modo più coerente possibile, per mettere insieme i pezzi, per far girare le......

  • il nuovo progetto sulla speranza e il Vangelo delle Beatitudini

    terza residenza di un percorso iniziato ormai 8 mesi fa…   “Speranza non è una parola non abbiamo che lei facciamola diventare mani, occhi, rabbia e vinceremo la paura”   drammaturgia di Aida Talliente con Aida Talliente proiezioni analogiche/suono Hybrida live painting Cosimo Miorelli disegno......

  • Attesa…

    A volte per cercare, per costruire, per mettere insieme pezzi di materiali bellissimi, occorre prendersi tempo, concentrarsi, sparire, chiudere un cerchio e poi, finalmente, condividerlo con altri occhi. IO NON HO MANI CHE MI ACCAREZZINO IL VISO è l’ultimo lavoro che abbiamo attraversato insieme, la......

Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.