< 2018 >
Settembre
«
»
Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
Dom
agosto
agosto
agosto
agosto
agosto
1
2
3
4
5
6
7
  • Giovanna d’Arco, la pulzella d’Orléans
    22:00 -23:00
    07/09/2018

    Valvasone (PN)

    Valvasone (PN)

    JEHANNE DARC, LA PUCELLE

    Giovanna d’Arco, la pulzella d’Orléans

    venerdì 7 e sabato 8 settembre ore 22.00
    domenica 9 settembre ore 19.30

    Piazza Castello, Valvasone (PN)

    Grande rappresentazione teatrale, ispirata al processo di condanna di Giovanna d’Arco.

     

    regia di Luca Altavilla

    con Gabriele Benedetti e Aida Talliente

    scene realizzate e movimentate dagli Amici di Lucifero

    un ringraziamento speciale a tutti i figuranti, ai torcieri e alle sarte

     

    Lo spettacolo, ispirato al processo di condanna di Giovanna d’Arco, si inserisce nella tradizione del Medioevo a Valvasone e propone una lettura del Teatro Medievale, inteso come una specifica forma di teatro/non teatro, largamente diffuso in tutta Europa a partire da giullari e trovatori fino a forme teatrali di piazza complesse come le Sacre Rappresentazioni.

8
  • Giovanna d’Arco, la pulzella d’Orléans
    22:00 -23:00
    08/09/2018

    Valvasone (PN)

    Valvasone (PN)

    JEHANNE DARC, LA PUCELLE

    Giovanna d’Arco, la pulzella d’Orléans

    venerdì 7 e sabato 8 settembre ore 22.00
    domenica 9 settembre ore 19.30

    Piazza Castello, Valvasone (PN)

    Grande rappresentazione teatrale, ispirata al processo di condanna di Giovanna d’Arco.

     

    regia di Luca Altavilla

    con Gabriele Benedetti e Aida Talliente

    scene realizzate e movimentate dagli Amici di Lucifero

    un ringraziamento speciale a tutti i figuranti, ai torcieri e alle sarte

     

    Lo spettacolo, ispirato al processo di condanna di Giovanna d’Arco, si inserisce nella tradizione del Medioevo a Valvasone e propone una lettura del Teatro Medievale, inteso come una specifica forma di teatro/non teatro, largamente diffuso in tutta Europa a partire da giullari e trovatori fino a forme teatrali di piazza complesse come le Sacre Rappresentazioni.

9
  • Giovanna d’Arco, la pulzella d’Orléans
    19:30 -21:30
    09/09/2018

    Valvasone (PN)

    Valvasone (PN)

    JEHANNE DARC, LA PUCELLE

    Giovanna d’Arco, la pulzella d’Orléans

    venerdì 7 e sabato 8 settembre ore 22.00
    domenica 9 settembre ore 19.30

    Piazza Castello, Valvasone (PN)

    Grande rappresentazione teatrale, ispirata al processo di condanna di Giovanna d’Arco.

     

    regia di Luca Altavilla

    con Gabriele Benedetti e Aida Talliente

    scene realizzate e movimentate dagli Amici di Lucifero

    un ringraziamento speciale a tutti i figuranti, ai torcieri e alle sarte

     

    Lo spettacolo, ispirato al processo di condanna di Giovanna d’Arco, si inserisce nella tradizione del Medioevo a Valvasone e propone una lettura del Teatro Medievale, inteso come una specifica forma di teatro/non teatro, largamente diffuso in tutta Europa a partire da giullari e trovatori fino a forme teatrali di piazza complesse come le Sacre Rappresentazioni.

10
11
12
  • IL VANGELO DELLE BEATITUDINI
    Tutto il giorno
    12/09/2018-26/09/2018

    Teatro S. Giorgio Udine

    Teatro S. Giorgio Udine

    RESIDENZA ARTISTICA  presso CSS Teatro Stabile d’Innovazione del Friuli Venezia Giulia

    dal 12 al 26 settembre

     

    IL VANGELO DELLE BEATITUDINI

    Il discorso della montagna riportato tra gli uomini, e attraversato dai pensieri di Pier Luigi Di Piazza, segna la traccia per entrare dentro un percorso di parole e storie che cercano e chiedono speranza. Speranza legata alla presenza degli affetti, speranza davanti alla difficoltà delle cose, speranza dove non è possibile averne, speranza come augurio. Quattro momenti che mostrano volti e condizioni umane differenti per la loro storia ma legate da una comune fragilità, raccontate da proiezioni, da grandi immagini scomposte da prismi che attraverso giochi di luce disegnano non solo lo spazio scenico ma anche quello emotivo. Disegni e ombre che si compongono e si dissolvono a svelare lentamente paesaggi diversi. Melodie di giocattoli o piccoli oggetti che nascono direttamente nello spazio scenico, per costruire l’ambiente di ogni storia.

    Il primo quadro: gli umili e i puri di cuore. Dedicato alla mia famiglia.

    Secondo quadro: quelli che piangono e quelli che hanno compassione. Dedicato a Mario Vatta.

    Terzo quadro: i non violenti. Dedicato a F. L. R. ergastolano in un carcere di massima sicurezza.

    Quarto quadro: quelli che hanno fame e sete di giustizia e i perseguitati a causa della giustizia. Dedicato a quelli che hanno il coraggio di andare fino in fondo perché sentono che qualcosa esisterà, aldilà di me, aldilà di te, aldilà di quello che succederà.

     

     

    Di e con Aida Talliente

    Collaborazione artistica con strumenti analogici: proiettori, diapositive, fotografie, prismi  – Roger Foschia, Giulia Spanghero, Hybrida

    Live painting  –  Cosimo Miorelli

    Disegno Luici –  Luigi Biondi

13
  • IL VANGELO DELLE BEATITUDINI
    Tutto il giorno
    13/09/2018

    Teatro S. Giorgio Udine

    Teatro S. Giorgio Udine

    RESIDENZA ARTISTICA  presso CSS Teatro Stabile d’Innovazione del Friuli Venezia Giulia

    dal 12 al 26 settembre

     

    IL VANGELO DELLE BEATITUDINI

    Il discorso della montagna riportato tra gli uomini, e attraversato dai pensieri di Pier Luigi Di Piazza, segna la traccia per entrare dentro un percorso di parole e storie che cercano e chiedono speranza. Speranza legata alla presenza degli affetti, speranza davanti alla difficoltà delle cose, speranza dove non è possibile averne, speranza come augurio. Quattro momenti che mostrano volti e condizioni umane differenti per la loro storia ma legate da una comune fragilità, raccontate da proiezioni, da grandi immagini scomposte da prismi che attraverso giochi di luce disegnano non solo lo spazio scenico ma anche quello emotivo. Disegni e ombre che si compongono e si dissolvono a svelare lentamente paesaggi diversi. Melodie di giocattoli o piccoli oggetti che nascono direttamente nello spazio scenico, per costruire l’ambiente di ogni storia.

    Il primo quadro: gli umili e i puri di cuore. Dedicato alla mia famiglia.

    Secondo quadro: quelli che piangono e quelli che hanno compassione. Dedicato a Mario Vatta.

    Terzo quadro: i non violenti. Dedicato a F. L. R. ergastolano in un carcere di massima sicurezza.

    Quarto quadro: quelli che hanno fame e sete di giustizia e i perseguitati a causa della giustizia. Dedicato a quelli che hanno il coraggio di andare fino in fondo perché sentono che qualcosa esisterà, aldilà di me, aldilà di te, aldilà di quello che succederà.

     

     

    Di e con Aida Talliente

    Collaborazione artistica con strumenti analogici: proiettori, diapositive, fotografie, prismi  – Roger Foschia, Giulia Spanghero, Hybrida

    Live painting  –  Cosimo Miorelli

    Disegno Luici –  Luigi Biondi

14
  • IL VANGELO DELLE BEATITUDINI
    Tutto il giorno
    14/09/2018

    Teatro S. Giorgio Udine

    Teatro S. Giorgio Udine

    RESIDENZA ARTISTICA  presso CSS Teatro Stabile d’Innovazione del Friuli Venezia Giulia

    dal 12 al 26 settembre

     

    IL VANGELO DELLE BEATITUDINI

    Il discorso della montagna riportato tra gli uomini, e attraversato dai pensieri di Pier Luigi Di Piazza, segna la traccia per entrare dentro un percorso di parole e storie che cercano e chiedono speranza. Speranza legata alla presenza degli affetti, speranza davanti alla difficoltà delle cose, speranza dove non è possibile averne, speranza come augurio. Quattro momenti che mostrano volti e condizioni umane differenti per la loro storia ma legate da una comune fragilità, raccontate da proiezioni, da grandi immagini scomposte da prismi che attraverso giochi di luce disegnano non solo lo spazio scenico ma anche quello emotivo. Disegni e ombre che si compongono e si dissolvono a svelare lentamente paesaggi diversi. Melodie di giocattoli o piccoli oggetti che nascono direttamente nello spazio scenico, per costruire l’ambiente di ogni storia.

    Il primo quadro: gli umili e i puri di cuore. Dedicato alla mia famiglia.

    Secondo quadro: quelli che piangono e quelli che hanno compassione. Dedicato a Mario Vatta.

    Terzo quadro: i non violenti. Dedicato a F. L. R. ergastolano in un carcere di massima sicurezza.

    Quarto quadro: quelli che hanno fame e sete di giustizia e i perseguitati a causa della giustizia. Dedicato a quelli che hanno il coraggio di andare fino in fondo perché sentono che qualcosa esisterà, aldilà di me, aldilà di te, aldilà di quello che succederà.

     

     

    Di e con Aida Talliente

    Collaborazione artistica con strumenti analogici: proiettori, diapositive, fotografie, prismi  – Roger Foschia, Giulia Spanghero, Hybrida

    Live painting  –  Cosimo Miorelli

    Disegno Luici –  Luigi Biondi

15
  • IL VANGELO DELLE BEATITUDINI
    Tutto il giorno
    15/09/2018

    Teatro S. Giorgio Udine

    Teatro S. Giorgio Udine

    RESIDENZA ARTISTICA  presso CSS Teatro Stabile d’Innovazione del Friuli Venezia Giulia

    dal 12 al 26 settembre

     

    IL VANGELO DELLE BEATITUDINI

    Il discorso della montagna riportato tra gli uomini, e attraversato dai pensieri di Pier Luigi Di Piazza, segna la traccia per entrare dentro un percorso di parole e storie che cercano e chiedono speranza. Speranza legata alla presenza degli affetti, speranza davanti alla difficoltà delle cose, speranza dove non è possibile averne, speranza come augurio. Quattro momenti che mostrano volti e condizioni umane differenti per la loro storia ma legate da una comune fragilità, raccontate da proiezioni, da grandi immagini scomposte da prismi che attraverso giochi di luce disegnano non solo lo spazio scenico ma anche quello emotivo. Disegni e ombre che si compongono e si dissolvono a svelare lentamente paesaggi diversi. Melodie di giocattoli o piccoli oggetti che nascono direttamente nello spazio scenico, per costruire l’ambiente di ogni storia.

    Il primo quadro: gli umili e i puri di cuore. Dedicato alla mia famiglia.

    Secondo quadro: quelli che piangono e quelli che hanno compassione. Dedicato a Mario Vatta.

    Terzo quadro: i non violenti. Dedicato a F. L. R. ergastolano in un carcere di massima sicurezza.

    Quarto quadro: quelli che hanno fame e sete di giustizia e i perseguitati a causa della giustizia. Dedicato a quelli che hanno il coraggio di andare fino in fondo perché sentono che qualcosa esisterà, aldilà di me, aldilà di te, aldilà di quello che succederà.

     

     

    Di e con Aida Talliente

    Collaborazione artistica con strumenti analogici: proiettori, diapositive, fotografie, prismi  – Roger Foschia, Giulia Spanghero, Hybrida

    Live painting  –  Cosimo Miorelli

    Disegno Luici –  Luigi Biondi

16
  • IL VANGELO DELLE BEATITUDINI
    Tutto il giorno
    16/09/2018

    Teatro S. Giorgio Udine

    Teatro S. Giorgio Udine

    RESIDENZA ARTISTICA  presso CSS Teatro Stabile d’Innovazione del Friuli Venezia Giulia

    dal 12 al 26 settembre

     

    IL VANGELO DELLE BEATITUDINI

    Il discorso della montagna riportato tra gli uomini, e attraversato dai pensieri di Pier Luigi Di Piazza, segna la traccia per entrare dentro un percorso di parole e storie che cercano e chiedono speranza. Speranza legata alla presenza degli affetti, speranza davanti alla difficoltà delle cose, speranza dove non è possibile averne, speranza come augurio. Quattro momenti che mostrano volti e condizioni umane differenti per la loro storia ma legate da una comune fragilità, raccontate da proiezioni, da grandi immagini scomposte da prismi che attraverso giochi di luce disegnano non solo lo spazio scenico ma anche quello emotivo. Disegni e ombre che si compongono e si dissolvono a svelare lentamente paesaggi diversi. Melodie di giocattoli o piccoli oggetti che nascono direttamente nello spazio scenico, per costruire l’ambiente di ogni storia.

    Il primo quadro: gli umili e i puri di cuore. Dedicato alla mia famiglia.

    Secondo quadro: quelli che piangono e quelli che hanno compassione. Dedicato a Mario Vatta.

    Terzo quadro: i non violenti. Dedicato a F. L. R. ergastolano in un carcere di massima sicurezza.

    Quarto quadro: quelli che hanno fame e sete di giustizia e i perseguitati a causa della giustizia. Dedicato a quelli che hanno il coraggio di andare fino in fondo perché sentono che qualcosa esisterà, aldilà di me, aldilà di te, aldilà di quello che succederà.

     

     

    Di e con Aida Talliente

    Collaborazione artistica con strumenti analogici: proiettori, diapositive, fotografie, prismi  – Roger Foschia, Giulia Spanghero, Hybrida

    Live painting  –  Cosimo Miorelli

    Disegno Luici –  Luigi Biondi

17
  • IL VANGELO DELLE BEATITUDINI
    Tutto il giorno
    17/09/2018

    Teatro S. Giorgio Udine

    Teatro S. Giorgio Udine

    RESIDENZA ARTISTICA  presso CSS Teatro Stabile d’Innovazione del Friuli Venezia Giulia

    dal 12 al 26 settembre

     

    IL VANGELO DELLE BEATITUDINI

    Il discorso della montagna riportato tra gli uomini, e attraversato dai pensieri di Pier Luigi Di Piazza, segna la traccia per entrare dentro un percorso di parole e storie che cercano e chiedono speranza. Speranza legata alla presenza degli affetti, speranza davanti alla difficoltà delle cose, speranza dove non è possibile averne, speranza come augurio. Quattro momenti che mostrano volti e condizioni umane differenti per la loro storia ma legate da una comune fragilità, raccontate da proiezioni, da grandi immagini scomposte da prismi che attraverso giochi di luce disegnano non solo lo spazio scenico ma anche quello emotivo. Disegni e ombre che si compongono e si dissolvono a svelare lentamente paesaggi diversi. Melodie di giocattoli o piccoli oggetti che nascono direttamente nello spazio scenico, per costruire l’ambiente di ogni storia.

    Il primo quadro: gli umili e i puri di cuore. Dedicato alla mia famiglia.

    Secondo quadro: quelli che piangono e quelli che hanno compassione. Dedicato a Mario Vatta.

    Terzo quadro: i non violenti. Dedicato a F. L. R. ergastolano in un carcere di massima sicurezza.

    Quarto quadro: quelli che hanno fame e sete di giustizia e i perseguitati a causa della giustizia. Dedicato a quelli che hanno il coraggio di andare fino in fondo perché sentono che qualcosa esisterà, aldilà di me, aldilà di te, aldilà di quello che succederà.

     

     

    Di e con Aida Talliente

    Collaborazione artistica con strumenti analogici: proiettori, diapositive, fotografie, prismi  – Roger Foschia, Giulia Spanghero, Hybrida

    Live painting  –  Cosimo Miorelli

    Disegno Luici –  Luigi Biondi

18
  • IL VANGELO DELLE BEATITUDINI
    Tutto il giorno
    18/09/2018

    Teatro S. Giorgio Udine

    Teatro S. Giorgio Udine

    RESIDENZA ARTISTICA  presso CSS Teatro Stabile d’Innovazione del Friuli Venezia Giulia

    dal 12 al 26 settembre

     

    IL VANGELO DELLE BEATITUDINI

    Il discorso della montagna riportato tra gli uomini, e attraversato dai pensieri di Pier Luigi Di Piazza, segna la traccia per entrare dentro un percorso di parole e storie che cercano e chiedono speranza. Speranza legata alla presenza degli affetti, speranza davanti alla difficoltà delle cose, speranza dove non è possibile averne, speranza come augurio. Quattro momenti che mostrano volti e condizioni umane differenti per la loro storia ma legate da una comune fragilità, raccontate da proiezioni, da grandi immagini scomposte da prismi che attraverso giochi di luce disegnano non solo lo spazio scenico ma anche quello emotivo. Disegni e ombre che si compongono e si dissolvono a svelare lentamente paesaggi diversi. Melodie di giocattoli o piccoli oggetti che nascono direttamente nello spazio scenico, per costruire l’ambiente di ogni storia.

    Il primo quadro: gli umili e i puri di cuore. Dedicato alla mia famiglia.

    Secondo quadro: quelli che piangono e quelli che hanno compassione. Dedicato a Mario Vatta.

    Terzo quadro: i non violenti. Dedicato a F. L. R. ergastolano in un carcere di massima sicurezza.

    Quarto quadro: quelli che hanno fame e sete di giustizia e i perseguitati a causa della giustizia. Dedicato a quelli che hanno il coraggio di andare fino in fondo perché sentono che qualcosa esisterà, aldilà di me, aldilà di te, aldilà di quello che succederà.

     

     

    Di e con Aida Talliente

    Collaborazione artistica con strumenti analogici: proiettori, diapositive, fotografie, prismi  – Roger Foschia, Giulia Spanghero, Hybrida

    Live painting  –  Cosimo Miorelli

    Disegno Luici –  Luigi Biondi

19
  • IL VANGELO DELLE BEATITUDINI
    Tutto il giorno
    19/09/2018

    Teatro S. Giorgio Udine

    Teatro S. Giorgio Udine

    RESIDENZA ARTISTICA  presso CSS Teatro Stabile d’Innovazione del Friuli Venezia Giulia

    dal 12 al 26 settembre

     

    IL VANGELO DELLE BEATITUDINI

    Il discorso della montagna riportato tra gli uomini, e attraversato dai pensieri di Pier Luigi Di Piazza, segna la traccia per entrare dentro un percorso di parole e storie che cercano e chiedono speranza. Speranza legata alla presenza degli affetti, speranza davanti alla difficoltà delle cose, speranza dove non è possibile averne, speranza come augurio. Quattro momenti che mostrano volti e condizioni umane differenti per la loro storia ma legate da una comune fragilità, raccontate da proiezioni, da grandi immagini scomposte da prismi che attraverso giochi di luce disegnano non solo lo spazio scenico ma anche quello emotivo. Disegni e ombre che si compongono e si dissolvono a svelare lentamente paesaggi diversi. Melodie di giocattoli o piccoli oggetti che nascono direttamente nello spazio scenico, per costruire l’ambiente di ogni storia.

    Il primo quadro: gli umili e i puri di cuore. Dedicato alla mia famiglia.

    Secondo quadro: quelli che piangono e quelli che hanno compassione. Dedicato a Mario Vatta.

    Terzo quadro: i non violenti. Dedicato a F. L. R. ergastolano in un carcere di massima sicurezza.

    Quarto quadro: quelli che hanno fame e sete di giustizia e i perseguitati a causa della giustizia. Dedicato a quelli che hanno il coraggio di andare fino in fondo perché sentono che qualcosa esisterà, aldilà di me, aldilà di te, aldilà di quello che succederà.

     

     

    Di e con Aida Talliente

    Collaborazione artistica con strumenti analogici: proiettori, diapositive, fotografie, prismi  – Roger Foschia, Giulia Spanghero, Hybrida

    Live painting  –  Cosimo Miorelli

    Disegno Luici –  Luigi Biondi

20
  • IL VANGELO DELLE BEATITUDINI
    Tutto il giorno
    20/09/2018

    Teatro S. Giorgio Udine

    Teatro S. Giorgio Udine

    RESIDENZA ARTISTICA  presso CSS Teatro Stabile d’Innovazione del Friuli Venezia Giulia

    dal 12 al 26 settembre

     

    IL VANGELO DELLE BEATITUDINI

    Il discorso della montagna riportato tra gli uomini, e attraversato dai pensieri di Pier Luigi Di Piazza, segna la traccia per entrare dentro un percorso di parole e storie che cercano e chiedono speranza. Speranza legata alla presenza degli affetti, speranza davanti alla difficoltà delle cose, speranza dove non è possibile averne, speranza come augurio. Quattro momenti che mostrano volti e condizioni umane differenti per la loro storia ma legate da una comune fragilità, raccontate da proiezioni, da grandi immagini scomposte da prismi che attraverso giochi di luce disegnano non solo lo spazio scenico ma anche quello emotivo. Disegni e ombre che si compongono e si dissolvono a svelare lentamente paesaggi diversi. Melodie di giocattoli o piccoli oggetti che nascono direttamente nello spazio scenico, per costruire l’ambiente di ogni storia.

    Il primo quadro: gli umili e i puri di cuore. Dedicato alla mia famiglia.

    Secondo quadro: quelli che piangono e quelli che hanno compassione. Dedicato a Mario Vatta.

    Terzo quadro: i non violenti. Dedicato a F. L. R. ergastolano in un carcere di massima sicurezza.

    Quarto quadro: quelli che hanno fame e sete di giustizia e i perseguitati a causa della giustizia. Dedicato a quelli che hanno il coraggio di andare fino in fondo perché sentono che qualcosa esisterà, aldilà di me, aldilà di te, aldilà di quello che succederà.

     

     

    Di e con Aida Talliente

    Collaborazione artistica con strumenti analogici: proiettori, diapositive, fotografie, prismi  – Roger Foschia, Giulia Spanghero, Hybrida

    Live painting  –  Cosimo Miorelli

    Disegno Luici –  Luigi Biondi

21
  • IL VANGELO DELLE BEATITUDINI
    Tutto il giorno
    21/09/2018

    Teatro S. Giorgio Udine

    Teatro S. Giorgio Udine

    RESIDENZA ARTISTICA  presso CSS Teatro Stabile d’Innovazione del Friuli Venezia Giulia

    dal 12 al 26 settembre

     

    IL VANGELO DELLE BEATITUDINI

    Il discorso della montagna riportato tra gli uomini, e attraversato dai pensieri di Pier Luigi Di Piazza, segna la traccia per entrare dentro un percorso di parole e storie che cercano e chiedono speranza. Speranza legata alla presenza degli affetti, speranza davanti alla difficoltà delle cose, speranza dove non è possibile averne, speranza come augurio. Quattro momenti che mostrano volti e condizioni umane differenti per la loro storia ma legate da una comune fragilità, raccontate da proiezioni, da grandi immagini scomposte da prismi che attraverso giochi di luce disegnano non solo lo spazio scenico ma anche quello emotivo. Disegni e ombre che si compongono e si dissolvono a svelare lentamente paesaggi diversi. Melodie di giocattoli o piccoli oggetti che nascono direttamente nello spazio scenico, per costruire l’ambiente di ogni storia.

    Il primo quadro: gli umili e i puri di cuore. Dedicato alla mia famiglia.

    Secondo quadro: quelli che piangono e quelli che hanno compassione. Dedicato a Mario Vatta.

    Terzo quadro: i non violenti. Dedicato a F. L. R. ergastolano in un carcere di massima sicurezza.

    Quarto quadro: quelli che hanno fame e sete di giustizia e i perseguitati a causa della giustizia. Dedicato a quelli che hanno il coraggio di andare fino in fondo perché sentono che qualcosa esisterà, aldilà di me, aldilà di te, aldilà di quello che succederà.

     

     

    Di e con Aida Talliente

    Collaborazione artistica con strumenti analogici: proiettori, diapositive, fotografie, prismi  – Roger Foschia, Giulia Spanghero, Hybrida

    Live painting  –  Cosimo Miorelli

    Disegno Luici –  Luigi Biondi

22
  • IL VANGELO DELLE BEATITUDINI
    Tutto il giorno
    22/09/2018

    Teatro S. Giorgio Udine

    Teatro S. Giorgio Udine

    RESIDENZA ARTISTICA  presso CSS Teatro Stabile d’Innovazione del Friuli Venezia Giulia

    dal 12 al 26 settembre

     

    IL VANGELO DELLE BEATITUDINI

    Il discorso della montagna riportato tra gli uomini, e attraversato dai pensieri di Pier Luigi Di Piazza, segna la traccia per entrare dentro un percorso di parole e storie che cercano e chiedono speranza. Speranza legata alla presenza degli affetti, speranza davanti alla difficoltà delle cose, speranza dove non è possibile averne, speranza come augurio. Quattro momenti che mostrano volti e condizioni umane differenti per la loro storia ma legate da una comune fragilità, raccontate da proiezioni, da grandi immagini scomposte da prismi che attraverso giochi di luce disegnano non solo lo spazio scenico ma anche quello emotivo. Disegni e ombre che si compongono e si dissolvono a svelare lentamente paesaggi diversi. Melodie di giocattoli o piccoli oggetti che nascono direttamente nello spazio scenico, per costruire l’ambiente di ogni storia.

    Il primo quadro: gli umili e i puri di cuore. Dedicato alla mia famiglia.

    Secondo quadro: quelli che piangono e quelli che hanno compassione. Dedicato a Mario Vatta.

    Terzo quadro: i non violenti. Dedicato a F. L. R. ergastolano in un carcere di massima sicurezza.

    Quarto quadro: quelli che hanno fame e sete di giustizia e i perseguitati a causa della giustizia. Dedicato a quelli che hanno il coraggio di andare fino in fondo perché sentono che qualcosa esisterà, aldilà di me, aldilà di te, aldilà di quello che succederà.

     

     

    Di e con Aida Talliente

    Collaborazione artistica con strumenti analogici: proiettori, diapositive, fotografie, prismi  – Roger Foschia, Giulia Spanghero, Hybrida

    Live painting  –  Cosimo Miorelli

    Disegno Luici –  Luigi Biondi

23
  • IL VANGELO DELLE BEATITUDINI
    Tutto il giorno
    23/09/2018

    Teatro S. Giorgio Udine

    Teatro S. Giorgio Udine

    RESIDENZA ARTISTICA  presso CSS Teatro Stabile d’Innovazione del Friuli Venezia Giulia

    dal 12 al 26 settembre

     

    IL VANGELO DELLE BEATITUDINI

    Il discorso della montagna riportato tra gli uomini, e attraversato dai pensieri di Pier Luigi Di Piazza, segna la traccia per entrare dentro un percorso di parole e storie che cercano e chiedono speranza. Speranza legata alla presenza degli affetti, speranza davanti alla difficoltà delle cose, speranza dove non è possibile averne, speranza come augurio. Quattro momenti che mostrano volti e condizioni umane differenti per la loro storia ma legate da una comune fragilità, raccontate da proiezioni, da grandi immagini scomposte da prismi che attraverso giochi di luce disegnano non solo lo spazio scenico ma anche quello emotivo. Disegni e ombre che si compongono e si dissolvono a svelare lentamente paesaggi diversi. Melodie di giocattoli o piccoli oggetti che nascono direttamente nello spazio scenico, per costruire l’ambiente di ogni storia.

    Il primo quadro: gli umili e i puri di cuore. Dedicato alla mia famiglia.

    Secondo quadro: quelli che piangono e quelli che hanno compassione. Dedicato a Mario Vatta.

    Terzo quadro: i non violenti. Dedicato a F. L. R. ergastolano in un carcere di massima sicurezza.

    Quarto quadro: quelli che hanno fame e sete di giustizia e i perseguitati a causa della giustizia. Dedicato a quelli che hanno il coraggio di andare fino in fondo perché sentono che qualcosa esisterà, aldilà di me, aldilà di te, aldilà di quello che succederà.

     

     

    Di e con Aida Talliente

    Collaborazione artistica con strumenti analogici: proiettori, diapositive, fotografie, prismi  – Roger Foschia, Giulia Spanghero, Hybrida

    Live painting  –  Cosimo Miorelli

    Disegno Luici –  Luigi Biondi

24
  • IL VANGELO DELLE BEATITUDINI
    Tutto il giorno
    24/09/2018

    Teatro S. Giorgio Udine

    Teatro S. Giorgio Udine

    RESIDENZA ARTISTICA  presso CSS Teatro Stabile d’Innovazione del Friuli Venezia Giulia

    dal 12 al 26 settembre

     

    IL VANGELO DELLE BEATITUDINI

    Il discorso della montagna riportato tra gli uomini, e attraversato dai pensieri di Pier Luigi Di Piazza, segna la traccia per entrare dentro un percorso di parole e storie che cercano e chiedono speranza. Speranza legata alla presenza degli affetti, speranza davanti alla difficoltà delle cose, speranza dove non è possibile averne, speranza come augurio. Quattro momenti che mostrano volti e condizioni umane differenti per la loro storia ma legate da una comune fragilità, raccontate da proiezioni, da grandi immagini scomposte da prismi che attraverso giochi di luce disegnano non solo lo spazio scenico ma anche quello emotivo. Disegni e ombre che si compongono e si dissolvono a svelare lentamente paesaggi diversi. Melodie di giocattoli o piccoli oggetti che nascono direttamente nello spazio scenico, per costruire l’ambiente di ogni storia.

    Il primo quadro: gli umili e i puri di cuore. Dedicato alla mia famiglia.

    Secondo quadro: quelli che piangono e quelli che hanno compassione. Dedicato a Mario Vatta.

    Terzo quadro: i non violenti. Dedicato a F. L. R. ergastolano in un carcere di massima sicurezza.

    Quarto quadro: quelli che hanno fame e sete di giustizia e i perseguitati a causa della giustizia. Dedicato a quelli che hanno il coraggio di andare fino in fondo perché sentono che qualcosa esisterà, aldilà di me, aldilà di te, aldilà di quello che succederà.

     

     

    Di e con Aida Talliente

    Collaborazione artistica con strumenti analogici: proiettori, diapositive, fotografie, prismi  – Roger Foschia, Giulia Spanghero, Hybrida

    Live painting  –  Cosimo Miorelli

    Disegno Luici –  Luigi Biondi

25
  • IL VANGELO DELLE BEATITUDINI
    Tutto il giorno
    25/09/2018

    Teatro S. Giorgio Udine

    Teatro S. Giorgio Udine

    RESIDENZA ARTISTICA  presso CSS Teatro Stabile d’Innovazione del Friuli Venezia Giulia

    dal 12 al 26 settembre

     

    IL VANGELO DELLE BEATITUDINI

    Il discorso della montagna riportato tra gli uomini, e attraversato dai pensieri di Pier Luigi Di Piazza, segna la traccia per entrare dentro un percorso di parole e storie che cercano e chiedono speranza. Speranza legata alla presenza degli affetti, speranza davanti alla difficoltà delle cose, speranza dove non è possibile averne, speranza come augurio. Quattro momenti che mostrano volti e condizioni umane differenti per la loro storia ma legate da una comune fragilità, raccontate da proiezioni, da grandi immagini scomposte da prismi che attraverso giochi di luce disegnano non solo lo spazio scenico ma anche quello emotivo. Disegni e ombre che si compongono e si dissolvono a svelare lentamente paesaggi diversi. Melodie di giocattoli o piccoli oggetti che nascono direttamente nello spazio scenico, per costruire l’ambiente di ogni storia.

    Il primo quadro: gli umili e i puri di cuore. Dedicato alla mia famiglia.

    Secondo quadro: quelli che piangono e quelli che hanno compassione. Dedicato a Mario Vatta.

    Terzo quadro: i non violenti. Dedicato a F. L. R. ergastolano in un carcere di massima sicurezza.

    Quarto quadro: quelli che hanno fame e sete di giustizia e i perseguitati a causa della giustizia. Dedicato a quelli che hanno il coraggio di andare fino in fondo perché sentono che qualcosa esisterà, aldilà di me, aldilà di te, aldilà di quello che succederà.

     

     

    Di e con Aida Talliente

    Collaborazione artistica con strumenti analogici: proiettori, diapositive, fotografie, prismi  – Roger Foschia, Giulia Spanghero, Hybrida

    Live painting  –  Cosimo Miorelli

    Disegno Luici –  Luigi Biondi

26
  • IL VANGELO DELLE BEATITUDINI
    Tutto il giorno
    26/09/2018

    Teatro S. Giorgio Udine

    Teatro S. Giorgio Udine

    RESIDENZA ARTISTICA  presso CSS Teatro Stabile d’Innovazione del Friuli Venezia Giulia

    dal 12 al 26 settembre

     

    IL VANGELO DELLE BEATITUDINI

    Il discorso della montagna riportato tra gli uomini, e attraversato dai pensieri di Pier Luigi Di Piazza, segna la traccia per entrare dentro un percorso di parole e storie che cercano e chiedono speranza. Speranza legata alla presenza degli affetti, speranza davanti alla difficoltà delle cose, speranza dove non è possibile averne, speranza come augurio. Quattro momenti che mostrano volti e condizioni umane differenti per la loro storia ma legate da una comune fragilità, raccontate da proiezioni, da grandi immagini scomposte da prismi che attraverso giochi di luce disegnano non solo lo spazio scenico ma anche quello emotivo. Disegni e ombre che si compongono e si dissolvono a svelare lentamente paesaggi diversi. Melodie di giocattoli o piccoli oggetti che nascono direttamente nello spazio scenico, per costruire l’ambiente di ogni storia.

    Il primo quadro: gli umili e i puri di cuore. Dedicato alla mia famiglia.

    Secondo quadro: quelli che piangono e quelli che hanno compassione. Dedicato a Mario Vatta.

    Terzo quadro: i non violenti. Dedicato a F. L. R. ergastolano in un carcere di massima sicurezza.

    Quarto quadro: quelli che hanno fame e sete di giustizia e i perseguitati a causa della giustizia. Dedicato a quelli che hanno il coraggio di andare fino in fondo perché sentono che qualcosa esisterà, aldilà di me, aldilà di te, aldilà di quello che succederà.

     

     

    Di e con Aida Talliente

    Collaborazione artistica con strumenti analogici: proiettori, diapositive, fotografie, prismi  – Roger Foschia, Giulia Spanghero, Hybrida

    Live painting  –  Cosimo Miorelli

    Disegno Luici –  Luigi Biondi

27
28
29
30

 

 

 

Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.