Aida Talliente

Il filo non è ciò che s’immagina. Non è l’universo della leggerezza, dello spazio, del sorriso. Tendere il filo è un lavoro duro. E’ un mestiere. Sobrio, rude, scoraggiante. E chi non vuole intraprendere una lotta accanita di sforzi inutili, pericoli profondi, trappole, chi non è pronto a dare tutto per sentirsi vivere, non ha bisogno di diventare funambolo. Soprattutto non lo potrebbe.

“Trattato sul funambolismo”  Philippe Petit

Works

Ritratto del leone

Latest post

  • sito online

    Finalmente, dopo mesi di duro lavoro…eccoci qui! Inizia un nuovo viaggio....

  • destinazioni

    Andare per poi tornare. Capire che il senso del viaggio è il ritorno. Cosa si raccoglie, cosa si riporta e ciò che poi si semina. Vado ora a bussare alle porte di una città nuova: Belgrado. Busso come sempre, come quei personaggi strani che vanno......

  • Le strade incrociate

      Nuovi materiali. Dalla Santa Giovanna dei Macelli alle storie raccolte nei luoghi di confine. Da muro a muro. Dalle invocazioni a Dio alle parole dette davanti alle folle. Crollare ginocchioni a terra per poi tornare ritti come frecce che puntano al cielo o pistole......

Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.